Categorie Notizie

Conclusa l’esercitazione “Grifone 2017”

460 tra uomini e donne, oltre 50 ore di volo, 95 sortite e 28 interventi delle squadre di soccorso terrestri: questi i numeri della principale esercitazione di ricerca e soccorso aereo dell’Aeronautica Militare

Si è conclusa venerdì 8 settembre a Dobbiaco (BZ) con l’evento dedicato alla stampa, l’esercitazione internazionale, interforze ed interagenzia di ricerca e soccorso “Grifone 2017”, pianificata e condotta annualmente dall’Aeronautica Militare nel quadro dell’accordo di cooperazione tra Italia, Francia e Spagna nel settore della ricerca e soccorso aereo denominato SAR.Med.Occ. (Search and Rescue Mediterraneo Occidentale).
Lo scopo principale dell’Esercitazione è stato quello di consolidare l’addestramento del personale dei Reparti di volo italiani e stranieri del Soccorso Aereo, dei Centri di Coordinamento e delle Squadre di terra alla gestione delle operazioni di ricerca e soccorso nel difficile ambiente montano, sia di giorno che di notte, favorendo la reciproca conoscenza e lo sviluppo di procedure comuni.
“Mettere a fattor comune le competenze acquisite e consolidate nel corso negli anni sviluppando un unico linguaggio nel campo della ricerca e soccorso, per il bene comune”, queste le parole del Colonnello Alfonso Cipriano, Direttore dell’esercitazione, in occasione del Media Day conclusivo.
Esercito Italiano, Aeronautica Militare, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia di Stato, Vigili del Fuoco, Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico e Servizio di Soccorso Alpino del Sudtirol (Bergrettungsdienst im alpenverein sudtirol), Corpo Ausiliario Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana, Armée de l’Air (Francia), Prefettura di Bolzano, Protezione civile e 118, dal 4 all’8 settembre si sono addestrati insieme sui Monti delle Dolomiti, nella Regione Autonoma del Trentino Alto Adige, con un solo obiettivo: incrementare la conoscenza e la standardizzazione delle procedure comuni di ricerca e soccorso per salvare vite umane.
Il Comando e Controllo delle operazioni aeree è stato gestito da un team del Rescue Coordination Center del Comando Operazioni Aeree di Poggio Renatico (FE). La pianificazione logistica è stata invece affidata al Comando Logistico dell’Aeronautica Militare che, grazie alle diverse articolazioni dipendenti coinvolte, ha testato la propria capacità di schierare rapidamente personale, mezzi e infrastrutture nel luogo delle operazioni. In questo ambito, il 3° Stormo di Villafranca (VR), con il contributo della 4^ Brigata Telecomunicazioni e Sistemi per la Difesa Aerea e l’Assistenza al Volo di Borgo Piave (LT), della 3^ Divisione e del Servizio dei Supporti del Comando Logistico dell’AM (RM), ha realizzato sul campo del Distaccamento Aeroportuale di Dobbiaco (BZ), che ha fornito un fondamentale supporto logistico, un Posto Base Avanzato (PBA), ovvero un piccolo aeroporto dotato di tutti i servizi necessari per l’assistenza al volo e la gestione delle operazioni, dalle strutture campali di comando e controllo, ai sistemi mobili di comunicazione passando per la stazione meteo mobile, la torre di controllo mobile, i servizi di rifornimento, gli antincendi e il servizio di marshalling. All’interno dell’installazione è stato attivato un Posto Medico Avanzato (PMA) multi-agenzia in cui ha operato personale sanitario del 3° Stormo di Villafranca e del Corpo Ausiliario delle Infermiere Volontarie della Croce Rossa Italiana con funzioni sia nell’ambito dello scenario esercitativo che come presidio di primo soccorso in caso di reali esigenze.
Novità della “Grifone 2017″ la partecipazione di un Go Team interforze ed interagenzia guidato da personale dell’Ispettorato Sicurezza del Volo dell’AM (gruppo di investigatori immediatamente rischierabile) che ha investigato sulle cause dell’incidente aereo simulato. L’attività investigativa è stata supportata dal lavoro dei “Fucilieri dell’Aria” del 9° e 16° Stormo, responsabili della messa in sicurezza della zona dell’incidente e dal Servizio di Valutazione Ambientale che ha effettuato controlli chimico/fisici nell’ambiente interessato dall’incidente.
Nell’ultimo giorno di esercitazione, nel quale è stata organizzata una dimostrazione reale di ricerca e soccorso impiegando elicotteri e squadre di soccorso a terra, sono intervenuti il Commissario del Governo Prefetto Dott. Vito Cusumano della Prefettura di Bolzano, il Presidente Nazionale del Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico, Dott. Maurizio Dellantonio e il Vice Sindaco di Dobbiaco, Dott. Martin Rienzner, a voler sancire l’importanza di un evento addestrativo che vede coinvolte numerose realtà del Sistema Paese nel campo della ricerca e soccorso.

Fonte: Aeronautica Militare – 2° Ufficio “Pubblica Informazione – Relazioni con i media giornalistici”

Esercitazione “HIGH 17″. Elicotteri olandesi ad Aviano

A seguito di un accordo bilaterale con la Royal Netherlands Air Force, dal 10 luglio al 4 agosto si è svolto il rischieramento di dodici elicotteri olandesi nella Base di Aviano per un periodo di attività addestrativa.

L’esercitazione, denominata “High 17”, consentirà agli equipaggi olandesi di familiarizzare con un ambiente montano, altrimenti impossibile in patria. I voli di addestramento, si sono svolti in aree opportunamente autorizzate e dedicate nelle zone di Pordenone, Udine, Belluno e Treviso.

In un fotoreport di Giorgio Pitteri pubblicato QUI sono ripresi i vari elicotteri impegnati nell’esercitazione.

Airgreen fornirà un AW139 all’elisoccorso trentino

E’ stato aggiudicata alla società piemontese Airgreen la gara per la fornitura in affitto di un elicottero AW139 alla Provincia Autonoma di Trento da destinare al servizio di elisoccorso.

L’elicottero sostituirà per un anno, o più se necessario, l’esemplare I-TNCC incidentatosi lo scorso marzo vicino a Madonna di Campiglio. Le ultime notizie riguardanti l’esemplare danneggiato riferiscono che dopo un’analisi è stato stabilito che i danni sono riparabili ed una decisione in merito da parte della Provincia è attesa in tempi brevi.

 

Video dalla pagina Facebook di TG RAI Trentino sull’argomento

Incidente per un AB206 dei Vigili del Fuoco in Abruzzo

L’AB206, VF-10, del Nucleo Elicotteri dei Vigili del Fuoco di Pescara impegnato in una ricognizione a Fonte Vetica, nella zona di Campo Imperatore, in Abruzzo èprecipitato al suolo in fase di atterraggio.

L’equpaggio dell’elicottero, che stava verificando la montagna aquilana dopo che nei giorni scorsi la zona era stata interessata da alcuni incendi, si stava apprestando all’atterraggio per fare salire a bordo il direttore delle operazioni di spegnimento per portarlo a Farindola, in provincia di Pescara, dove era in corso un incendio. Al momento di toccare terra,  il mezzo ha iniziato una rotazione incontrollata che è teminata con l’impatto al suolo. Subito soccorsi da personale del Soccorso Alpino e del 118 i tre vigili del fuoco, sono risultati fortunatamente illesi.

Immagine: (© 2007-Edoardo Banfi) un elicottero dello stesso tipo di quello coinvolto nell’incidente.

Pubblicato un articolo su esercitazione “APROC 2017″

E’ online un articolo che descrive l’esercitazione “APROC 2017″ tenutasi a Rivolto, Udine, lo scorso mese di giugno.

Giorgio Pitteri ha illustrato con numerose fotografie dei mezzi partecipanti, le operazioni che dal 14 al 28 giugno hanno visto impiegati operatori aeronautici e assetti ad ala rotante provenienti da Francia, Polonia, Italia, Belgio, Germania, Paesi Bassi, Regno Unito, Spagna e Stati Uniti. L’esercitazione aveva come obiettivo principale il miglioramento ,la standardizzazione delle procedure operative inerenti il Personnel Recovery (recupero di personale militare e civile in ambiente ostile).

L’aricolo è disponibile QUI.

Leonardo si aggiudica commessa della la Polizia norvegese

Leonardo con l’AW169 si è aggiudicata la gara indetta dalla Polizia norvegese per il nuovo elicottero dedicato ai compiti di pubblica sicurezza nel Paese. Lo ha recentemente annunciato il cliente, dando il via alla modernizzazione della propria componente elicotteristica. Il contratto, la cui firma è prevista ad agosto 2017, prevede l’acquisto di tre elicotteri, con un’opzione per ulteriori tre unità, e un pacchetto di supporto della durata di dieci anni.

La nuova flotta permetterà alla polizia norvegese di potenziare le sue capacità e la sua prontezza di risposta per contrastare minacce come il terrorismo e altri crimini, assicurando un più ampio raggio di azione rispetto agli attuali elicotteri in servizio oppure operando più rapidamente sulle tratte più brevi decollando da varie basi quando necessario. Gli AW169 svolgeranno una serie di compiti tra cui ricognizione, sorveglianza, e il trasporto di squadre dedicate alle operazioni speciali garantendo elevata versatilità grazie a una rapida e facile riconfigurazione a seconda della missione. La configurazione specifica degli elicotteri della polizia norvegese consentirà il trasporto di sei persone oltre all’equipaggio.

Consegnato il Certificato di Operatore Aereo (C.O.L.A.) al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco

AB 412 VF e SAFIl 5 luglio, presso il Centro Operativo Nazionale, l’ENAC () ha consegnato al Corpo Nazionale dei Vigili del fuoco il Certificato di Operatore di lavoro aereo (C.O.L.A.).
A ricevere la certificazione erano presenti il Direttore Centrale per l’Emergenza ed il Soccorso Tecnico, Ing. Giuseppe Romano, e il Dirigente dellUfficio di Coordinamento del Soccorso aereo, ing. Santo Rogolino.

Tale certificazione riconosce alla componente aerea del Corpo Nazionale dei vigili del fuoco la capacità professionale e l’organizzazione necessarie ad assicurare l’esercizio dei propri aeromobili in conformità ai requisiti previsti dalle regolamentazioni europee e nazionali emanate dallE.A.S.A. (European Aviation Safety Agency) e dall’ E.N.A.C., per le attività di lavoro aereo, e si affianca a quelle già conseguite dal CNVVF per deliberare la manutenzione sugli aeromobili e sui loro componenti.
Con questo atto si completa il percorso di riconoscimento al C.N.V.V.F. delle approvazioni già possedute dal settore tecnico e operativo del C.F.S., le cui competenze e parte delle risorse possedute per l’ antincendio boschivo sono transitate al Corpo nazionale dei vigili del fuoco per effetto del D.Lgs. n.177/2016.
Alla vigilia della campagna A.I.B., i Vigili del Fuoco hanno anche raggiunto la piena operatività del Reparto Volo di Lamezia Terme che garantisce una migliore copertura operativa del sud Italia e in particolare della Calabria.
Attualmente, con i n.12 elicotteri AB412 e i n.4 elicotteri Erickson S64F, transitati dall’ex Corpo Forestale dello Stato, la componente aerea del CNVVF risulta costituita da 78 aeromobili con i quali quotidianamente implementa il miglior dispositivo di soccorso aereo in grado di rispondere immediatamente ed efficacemente a calamità locali e nazionali, nonché per garantire il soccorso tecnico urgente e la lotta attiva agli incendi boschivi sia su tutto il territorio nazionale che in Europa con il progetto Buffer  IT (Better Use of ForestFire Extinguishing Resources by Italy).

Immagine: © Marco Meschino, un AB412 del CNVVF

Dolomiti ampezzane, “Esercitazione 5 Torri 2017″

L’esercitazione delle Truppe Alpine dell’Esercito, nel cuore delle Dolomiti, vedrà l’impiego di diversi aeromobili dell’AVES e di un elicottero del SUEM.

Audaci tecniche di ascensione e spettacolari manovre di soccorso in parete e un’avvincente dimostrazione tattica delle capacità delle Truppe Alpine nel saper operare in montagna sono il programma della “5 Torri 2017”, esercitazione multinazionale ed interforze che si svolgerà nell’omonimo comprensorio montano, tra il passo Falzarego e Cortina d’Ampezzo, il prossimo 4 luglio (5 in caso di condizioni meteorologiche avverse. L’evento, aperto a tutti coloro che vorranno essere presenti (con afflusso entro le 09.30) sarà trasmesso in diretta streaming sui siti dell’Esercito (www.esercito.difesa.it) e dell’Associazione Nazionale Alpini (www.ana.it) a partire dalle ore 10. Un’esercitazione dinamica e coinvolgente sulle montagne più belle del mondo – patrimonio dell’UNESCO e Museo a cielo aperto della prima Guerra Mondiale – che rappresenta un importante momento di incontro e confronto con gli eserciti dei paesi alleati ed amici sullo specifico tema dell’alpinismo, della sicurezza e della condotta di operazioni in montagna.

Immagine: ( Fonte Esercito Italiano – Comando Truppe Alpine) Un AB205MEP mentre cala del personale nei pressi delle 5 Torri.